vuoto
prevnext

TUBI IN CALCESTRUZZO VIBROCENTRIFUGATO ARMATO

Tubo circolare in calcestruzzo vibrocentrifugato armato a bicchiere

6disegno_vibrocentrifugato-armato-a-bicchiere
tubo_vibrocentrifugato_circolare

Dati tecnici

6tabella_vibrocentrifugato-armato-a-bicchiere

Elemento cavo prefabbricato in calcestruzzo armato, la cui cavità è di sezione uniforme per tutta la lunghezza interna del corpo, eccetto che in prossimità del profilo di giunzione, prodotto con o senza base d’appoggio. Le giunzioni di questi elementi sono realizzate ad incastro del tipo a bicchiere ed incorporano una o più guarnizioni.

Convogliare acque nere, acque piovane e acque superficiali per gravità o occasionalmente a bassa pressione (≤ 0,5 bar) in tubature generalmente interrate.

UNI EN 1916, Tubi e pezzi speciali in calcestruzzo non armato, rinforzato con fibre d’acciaio e armato.
UNI EN 681, Guarnizioni elastomeriche. Requisiti dei materiali per le guarnizioni di tubature usate nelle applicazioni di trasporto d’acqua o di drenaggio.
ISO 3384, Gomma vulcanizzata o termoplastica – Determinazione del rilassamento sotto sforzo di compressione a temperatura ambiente e ad elevate temperature.
ISO 10544, Tondini trafilati a freddo per l’armatura del calcestruzzo e la fabbricazione di reti elettrosaldate.
ISO 4012, Calcestruzzo – Determinazione della resistenza a compressione dei provini.
UNI EN 206-1, Calcestruzzo – Specificazione, prestazione, produzione e conformità (per quanto applicabile).

In trincea relativamente stretta (nel terreno indisturbato) e con ricoprimento del tubo fino al livello originale (con terreno tipo tout-venant). Il fondo della trincea dovrà avere una capacità portante stabile ed uniforme in modo da garantire l’allineamento ed il livellamento della tubazione ed essere in grado di sostenere i carichi gravanti. Il materiale del letto di posa dovrà essere simile a quello usato per il rinfianco e/o ricoprimento. Resta escluso il caso di letto di posa argilloso o in presenza di falda. Il terreno usato per il rinterro nel rinfianco dovrà essere ben compattato fino a 30 cm sopra l’estradosso del tubo e solo leggermente nella parte sopra il tubo. Per maggiori notizie si rimanda a quanto definito sulla pubblicazione “Tubazioni in calcestruzzo - Manuale di progettazione e utilizzo” edita da ASSOBETON – Sezione Produttori Tubi – Ed. Ottobre 2003 e che può essere richiesta a questa azienda.

Fornitura e posa in opera di tubo in calcestruzzo vibrocentrifugato a compressione radiale della lunghezza utile di 300 cm, armato con gabbia rigida elettrosaldata a barre verticali e spirale longitudinale continua, idonea a garantire un copriferro minimo definito in fase di progetto e percentuale minima di armatura relativa all’area di sezione trasversale longitudinale al corpo del tubo maggiore dello 0,25%, di sezione circolare e con base d’appoggio (senza base d’appoggio), con incastro del tipo a bicchiere. I tubi, che dovranno essere marcati con il nome del produttore e garantire la rintracciabilità del lotto di produzione, dovranno essere prodotti con cemento del tipo 42,5R ad alta resistenza ai solfati e con dosaggio di cemento e rapporto acqua/cemento idoneo all’ambiente d’esposizione secondo UNI EN 206/1, con caratteristica a compressione del calcestruzzo maturo non inferiore a 45 N/mm2 ed assorbimento massimo minore del 6%. Tra i singoli elementi verrà interposto un giunto in gomma sintetica a rotolamento (oppure incorporato nella femmina, oppure a cuneo, oppure lamellare) conforme alla norma UNI EN 681.1, atto a garantire la tenuta idraulica della condotta ad una pressione d’esercizio massima interna di 0,5 bar. Le pareti interne saranno trattate a spruzzo con resina epossidica bicomponente per uno spessore di micron… La condotta è destinata a raccogliere e convogliare acque nere, acque piovane e acque superficiali per gravità. Le tubazioni, prive di fori passanti, andranno poste in opera su platea in calcestruzzo (classe 25 N) armata con rete elettrosaldata (su sottofondo in tout-venant ben compattato) delle dimensioni come da progetto, ed eventuale rinfianco con materiale e condizioni contenute nel calcolo statico. La giunzione tra i vari elementi dovrà essere realizzata solamente mediante apparecchiature idrauliche o manuali (del tipo TIR-FOR) e comunque sotto il controllo e l’approvazione della direzione lavori. La posa dovrà essere preceduta dall’applicazione sulla estremità opposta a quella dove risiede il giunto di apposito lubrificante sintetico per favorire l’innesto dei tubi. La condotta dovrà sopportare il riempimento di prima fase ed i carichi propri (stradali di 1° categoria) secondo quanto indicato in progetto ed in sede di verifica statica, da parte del produttore dei tubi, con ingegnere iscritto all’albo. Le tubazioni dovranno essere prodotte e controllate nelle varie fasi del processo produttivo da azienda operante in conformità alla norma UNI EN 1916:2004 con Sistema di attestazione della conformità di tipo 4 e munite di Dichiarazione di conformità che autorizza il fabbricante ad apporre la marcatura CE. La stessa dovrà figurare sui documenti commerciali di accompagnamento (bolla di consegna) della merce.

I TUBI IN CALCESTRUZZO VIBROCENTRIFUGATO POSSONO ESSERE CON:
Maggiori aspetti qualitativi sono definiti nella “Scheda tecnica prodotto” che può essere richiesta alla ditta CEDA Spa.

Certificazioni

tubo-3-ml-scheda-ce
tubo-3-ml-dop
vuoto
vuoto